5 / 7 LUGLIO 2002

in giro con BMW MOTO CLUB TRENTINO

BUONA STRADA e BUON DIVERTIMENTO!

IL COMITATO ORGANIZZATORE

 

Viaggiano con NOI:

N░ Moto

Conduttore

Passeggero

1

Franco

Ines

2

Tullio

Teresa

3

Andrea

Anna

4

Claudio

Paola

5

Riccardo

Barbara

6

Carlo

 

7

Piergiorgio

 

8

Antonio

Giovanna

9

Massimo

 

10

Riccardo

Eleonora

11

Gino

Caterina

Un piccolo accorgimento ed informazioni varie:

Ó E' opportuno partire sempre con il serbatoio PIENO!

In genere le soste per il rifornimento sono previste circa ogni 200 / 250 Km.

Ó Il nostro percorso Ŕ particolarmente articolato, , nei percorsi stradali principali e secondari Ŕ opportuna una guida comunque con velocitÓ il pi¨ vicine possibile ai limiti consentiti; attenzione ai semafori (se arriva il giallo non cerchiamo di fare le corse, chi ci precede dovrÓ tenerne conto e rallentare la testa del gruppo!). Attenzione in particolare alla grande severitÓ in Austria per quanto riguarda le norme di circolazione!!!!

Ó Avremo alloggio presso Hotel Post a Heiligenblut (venerdý)

e presso Spielmann's Hotel di Ehrwald (sabato).

Ó La cena del venerdý sarÓ presso l'Hotel Post, il sabato andremo a scegliere in base alle esigenze del momento.

Ó Pranzi:

Non si Ŕ provveduto a fissare anche la ristorazione per i pranzi, cercheremo in base alla situazione del momento la soluzione pi¨ idonea e congegnale.

 

E' bene sapere che.....

Brano Tratto dal sito dell'Ambasciata Austriaca.

(* a parte)

Road Book venerdý 5 luglio 2002

Ora

LocalitÓ

Km Progressivi

08.45 Trento (presso Elaberg!)

0

09.05 Imbocchiamo la strada dei Crozi SP 17 verso Civezzano al bivio per Lases incontriamo Antonio e Andrea

9.5

10.15 Imbocchiamo la SP 71 in direzione di Lona-Segonzano percorrendo poi la Val di Cembra e la Val Floriana fino a Molina di Fiemme da lý a Predazzo percorreremo la SP 232

70

11.00 Imbocchiamo SS48 la Val di Fassa e passando per Canazei andremo sul passo Sella

110

11.35 Altri magnifici paesaggi SS243 andremo ad incontrarlo sul Passo Gardena, scendiamo fino a Corvara

120

13.00 Imbocchiamo la SS244 in direzione di Pedraces, San Martino in Badia, San Vigilio, e Sorafurcia dove percorrendo il passo del Furcia SP 43 arriveremo in Valdaora.

180

Spuntino sul Passo del Furcia!?

14.30 Da qui dirigiamo ad Anterselva sulla SP44, da qui in una decina di Km raggiungiamo il passo Stalle e l'Austria (OCIO!!)

195

16.00 Passiamo per Erlsbach sulla L25 fino a Huben, qui andremo sulla B108 fino a Lienz

RIFORNIMENTO

212

257

17.30 Percorrendo la B107 incontreremo Winklern, Moertschach, Sagritz ed infine arriviamo a Heiligenblut. Hotel Post. Ci attendono piscina, sauna e cena

300

 

 

Lienz

Lienz Ŕ il capoluogo del Tirolo orientale (Osttirol), una striscia separata dal corpo della provincia dall’Italia e dal Land Salzburg. Si trova tra il massiccio Hohe Tauern e la cima del Grossglockner a nord, e le Gailtaler Alpen (Dolomiti) a sud. L’antico centro cittadino ha un grande fascino; i monumenti pi¨ significativi sono il Castello di Bruck (ora sede del Museo regionale) e la Chiesa di Sankt Andrń. Lienz Ŕ una base per scalate d’estate e una localitÓ sciistica d’inverno.

Grossglockner

(descrizione del nostro giro allo specchio!!)

Da Bruck la strada s'insinua tra le alte e boscose pareti della Fuscher Tal e giunge alla stazione di villeggiatura di Fusch (8km, 811m). La salita prosegue abbastanza dolcemente lungo l'austera Barenschlucht, gola degli orsi (ormai spariti da tempo), fino a Ferleiten (15km, 1156m). Sulla contrapposta sponda del fragoroso torrente Ŕ visibile qualche resto dell'antico tracciato romano. Da Ferleiten la strada s'inerpica decisa, il bosco s'appiana ormai a prato. Dopo la cascata dello Schleier (1200m), conviene sostare nel parcheggio della Piffalpe per ammirare l'incombente Wiesbachhorn (3500m) prima di sfilare in stretti tornanti davanti a un bizzarro, ariostesco ammasso di pietre, caoticamente sparpagliate in una valle selvaggia e desolata, chiamato cucina delle streghe (Hexen Kuche).
Dal parcheggio di Hochmais (1859m), bel panorama sul Kafertal, i suoi ghiacciai e le sue cristalline e schiumose cascate. A Fuscher Torl (28km, 1428m), poco prima di attaccare l'ampio giro che la strada descrive intorno allo sperone del Torlkopl, una deviazione a sinistra (assolutamente da non mancare) con pendenze del 14% porta in 1,8km all'Edelweiss Spitze (2572m, parcheggio). Dalla terrazza del rifugio spettacolo unico che, lasciando gli aggettivi per l'essenzialitÓ dell'aritmetica, si sintetizza in 37 cime oltre i 3000m e in 19 ghiacciai con le ultime lingue che si ramificano in torrenti e ruscelli. Ritornati al bivio, la strada riprende a salire. Superato un laghetto alpino, si sottopassa un desolato paesaggio di pietre, prima di imboccare il tunnel di Mitteltorl (32km, 2328m) lungo 117m. Un paio di chilometri dopo segue il tunnel di Hochtorl (312m) a quota 2506m, punto culminante della strada delle creste alpine. A metÓ tunnel confine tra Salisburghese e Carinzia. All'uscita del tunnel spiazzo panoramico da cui si domina il bacino di Heiligenblut e i picchi della Carinzia. Comincia la vertiginosa discesa. A Posthaus Guttal (41km, 1859m, albergo), si dirama a destra la strada dei ghiacciai (Gletscherstrasse): in 8,7km porta all'albergo rifugio di Franz-Josefs-Hohe, pianoro a 2368-2422m che sovrasta il pi¨ esteso ghiacciaio dell'Austria, il Pasterze (lungo 10km, largo da 1,5 a 5, spesso 300m). Oltre che dominarlo dall'alto della terrazza del rifugio, Ŕ possibile discendere (2212m) comodamente sul ghiacciaio in funicolare. Il panorama intorno Ŕ superbo; tra e tante vette una attira subito I'occhio: l'aguzza piramide ovest che si svincola da un mare di ghiaccio e da un cristallino complesso di altre vette, lo spettacolare Grossglockner, la cima pi¨ alta dell'Austria. La strada dei ghiacciai termina in un vasto piazzale con parcheggio coperto capace di oltre 800 posti macchina. Dal piazzale partono la funicolare che discende al ghiacciaio e una scalinata, proseguita da un breve sentiero, che conduce al rifugio, sede estiva della rinomata scuola d'alpinismo di Heiligenblut. Dal bivio di Guttal la strada discende in tortuosa ma moderna serpentina nella valle della MolI, aperta dal villaggio di Heiligenblut.

 

 

Vista Altimetrica del Grossglockner

 

Road Book sabato 6 luglio 2002

Ora

LocalitÓ

Km Progressivi

08.45 Heiligenblut Hotel Post

0

09.00 Imbocchiamo B107 in direzione Grossglockner, qui troveremo il casello per il pagamento del pedaggio, (state a lato strada mentre viene fatto il biglietto per tutti)

2.5

09.30 Dopo una decina di Km incontriamo la "Grossglockner Hochalpenstra▀e" questa conduce in prossimitÓ della vetta, questa Ŕ a quota 3.797 m.s.l.m.

25

10.30 Riprendiamo la B107 fino a Brueck an der Grossglocknerstrasse

60

11.45 Percorriamo la B311 in direzione di Brueckberg, per poi imboccare la B168 in direzione di Piesendorf, Uttendorf, Stuhlfelden, Mittersill, fino a Zell am Ziller.

145

12.15 Imbocchiamo la B169 in direzione di Aschau, Kaltenbach, fino a Wiesing.

170 rifornimento

13.00 Da qui dirigiamo ad Achenkich sulla B181.

195

Sosta Pranzo

15.30 Proseguiamo fino al confine con la Germania sulla B307 in direzione di Vorderriss, Kruen, Klais, B2 fino a Garmisch Partenkirchen

250

18.00 Percorrendo la B23 in direzione del confine Austriaco, percorrendo la B187 arriviamo a Ehrwald. Hotel Spielmann.

275

 

 

ACHENSEE

Suggestivo lago-fiordo incassato fra i massicci del Karwendel a ovest e del Sonnwend a est. Lungo 9 km, largo 1, profondo 135 m, a un'altitudine di 930 m, il pi¨ grande lago tirolese Ŕ tributario dell'Isar, Baviera. Le sue acque d'un azzurro intenso e molto pescose attirano folle di villeggianti estivi (nuoto, vela, surf, pesca); nei paesi rivieraschi si pratica d'inverno lo sci: ambiente fatato, con un lago di ghiaccio sullo sfondo. Il lago alimenta una grande centrale idroelettrica.
Nel periodo estivo Ŕ collegato a Jenbach da una pittoresca e panoramica cremagliera costruita nel 1889 che tocca prima Eben (nell'altare maggiore della parrocchiale Ŕ custodito lo scheletro di S. Notburga, patrona delle domestiche, meta di pellegrinaggio), poi Maurach (localitÓ balneare e di sport invernali) e termina ad Achensee, che chiude a nord l'omonimo lago. In coincidenza con gli arrivi della cremagliera partono dei vaporetti che effettuano in meno di un'ora il giro del lago. Si ha cosý la possibilitÓ di vedere, sulla sponda occidentale, Pertisau, la perla del lago, centro balneare e di sport invernali con begli alberghi e campo di golf. Panoramica Ŕ pure la nuova Achenstrasse, in forte salita fino a Maurach (5 km).

 

Garmisch-Partenkirchen

Garmisch e Partenkirchen, due villaggi separati, furono fuse nel 1935, l’anno prima di ospitare i Giochi Olimpici Invernali. Oggi sono la pi˙ importante localitÓ di villeggiatura invernale della Germania ma conservano un po’ del precedente fascino di villaggi, nonostante il gran numero di turisti, attirati qui dall’ampia scelta di attrezzature per gli sport invernali. Chi ama passeggiare d’estate ha a disposizione una rete di sentieri di oltre 300 chilometri. La classica escursione, in treno e funivia, Ŕ fino alla cima dello Zugspitze, la montagna pi˙ alta delle Germania (2962 metri). Dalla cima, che puˇ essere raggiunta anche dalla parte austriaca, il panorama si estende in lontananza fino alle Alpi e all’altopiano bavarese.

 

FŘssen

FŘssen, di origine romana, Ŕ una popolare localitÓ di villeggiatura vicino al confine austriaco e alle Alpi. Sono in parte ancora visibili le mura difensive romane e il carattere storico della cittadina Ŕ particolarmente evidente nell’acciottolata Reichenstra▀e. L’abbazia benedettina di San Magno ospita il museo locale, con una raccolta di antichi strumenti musicali e il laboratorio di un liutaio. Alto sul fiume Lech si trova l’Hohes Schlo▀, un palazzo che fu residenza estiva dei principi-vescovi di Augusta. A monte, alla Lechfall, il fiume passa spumeggiando attraverso uno stretto burrone, mentre a valle si trova il Forggensee, lungo 11 chilometri, uno dei pi˙ grandi laghi artificiali della Germania.

 

Il Castello di Neuschwanstein:

 

 

 

 

Road Book domenica 7 luglio 2002

Ora

LocalitÓ

Km Progressivi

08.45 Ehrwald. Hotel Spielmann

0

09.40 Imbocchiamo la B187 in direzione Lermoos, e poi silla B314 verso Laehn e proseguiamo fino al confine con la Germania (a circa 39Km.) arriviamo a Fuessen e quindi a Schloss Neuschwanstein. La visita merita una sosta di 2/3 ore. Magari uno spuntino. Ore 12.00 si Parte

48

13.15 Dopo una 50 di Km faremo rifornimento

98

14.15 Percorriamo la B189 in direzione di Nassereith, Imst, quindi sulla L16 e L17 in direzione Wenns, Piller, Kauns. A Prutz ci immettiamo sulla B315 in direzione di Toesens.

150

14.45 Percorriamo la B315 in direzione di Pfunds, Stuben, per poi rientrare in Italia dopo circa 25 Km. La SS40 ci porta a Resia.

178

16.30 Rimanendo sulla SS40 passeremo, Malles, per poi passare sulla SS38 in direzione Silandro, Merano, Appena transitati a Foresta imbocchiamo la SP5 in direzione di Marlengo, Cermes, arrivati a Lana prendiamo la SS238 per Passo Palade, Fondo.

290

18.00 Sulla SS42 e poi SS43D giungiamo a Mezzolombardo,a Km 325, qui salutiamo Carlo. Ed infine ritorno a Trento

342